Il Forex: lezione numero 1

Che cos’è il Forex e in che modo è possibile iniziare ad investire in questo mercato?

Te lo spiego in questo articolo. Una contrattazione sul mercato foreign exchange, conosciuto anche con il nome di Forex o FX, ha inizio quando viene scambiata una valuta per un’altra. E’ il mercato più grande del mondo in quanto a volumi di denaro scambiati e chiunque può prendervi parte.

Chi investe sul Forex?

I piccoli trader come possiamo essere io e te, compongono soltanto una modesta percentuale di chi opera in questo mercato: i principali investitori sono infatti le grandi istituzioni bancarie, le banche centrali, i governi, le compagnie multinazionali e le istituzioni finanziarie.

Si stima che oltre il 90% del mercato Forex sia di natura speculativa. In altre parole chi acquista o vende le valute non ha nessuna intenzione di utlizzarle, ma soltanto ottenere un ricavo sulla variazione del loro tasso di cambio.

Se vuoi avere maggiori informazioni su chi investe sul Forex, ti rimando all’articolo sui partecipanti a questo tipo di investimento.

Un esempio pratico di Forex trading

L’obbiettivo di chi investe nel mercato forex è quello di guadagnare dai movimenti del denaro.

Il trading avviene sempre speculando su una coppia di valute. Per fare un esempio a maggio 2007 la coppia EUR/USD veniva scambiata a 1,358 (1 eur = 1,358 dollari U.S). Questo tasso di scambio viene chiamato in inglese “Forex Rate”.

Se nel lontano 2007 avessimo comprato 1.000 euro, li avremmo pagati 1.358 dollari. Se avessimo deciso di venderli un anno dopo, ad agosto 2008, il prezzo di scambio di un euro sarebbe stato $1,471 e li avremmo quindi ceduti a 1.471 dollari. Nell’arco di poco più di dodici mesi, l’Euro (il numeratore nella coppia EUR/USD) è aumentato di valore nei confronti del Dollaro ed avremmo ottenuto un guadagno di 113 dollari.

Long e Short

Quando decidi di investire nel Forex puoi aprire posizioni di acquisto o di vendita. Aprirai posizioni “long” di acquisto se ritieni che la valuta acquistata possa aumentare il proprio valore in relazione alla valuta che vuoi vendere. Se la valuta che hai acquistato si apprezza, potrai rivenderla successivamente ottenendo un profitto.

Al contrario se pensi che una moneta possa diminuire il proprio prezzo d’acquisto nei confronti dell’altra, aprirai posizioni di vendita chiamate “short”.

Se per il momento questi due termini ti sono ancora sconosciuti, non ti preoccupare. Aprofondirai il concetto di long e short proseguendo la lettura delle pagine successive della guida.

Puoi inoltre impostare ordini automatici, come lo stop-loss e il take profit, che chiudono la contrattazione a livelli stabiliti, in modo da avere sotto controllo l’investimento anche quando non stai facendo trading attivamente. In questo modo potrai controllare eventuali perdite di denaro.

E’ rischioso?

Si. Il Forex è un tipo di investimento considerato ad alto rischio, proprio per i veloci cambiamenti legati al mercato e alle divise.

Nel corso della lettura comprenderai pero’ che il ritorno di investimento (ROI) è tuttavia piuttosto alto, e in Italia i guadagni derivanti dal trading sui mercati valutari sono tassati soltanto se la valuta acquistata viene mantenuta e non viene venduta per 7 giorni lavorativi, e se il loro importo è maggiore di 51.645,69 euro.

Per avere maggiori informazioni su come iniziare a fare trading, continua leggere gli articoli introdutivi sul Forex.

 

Gli ultimi Tweets

Sold EURUSD 1.11449 SL 1.1214 TP 1.09871

Circa 3 anni fa dal Twitter di Area Forex via Myfxbook

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*