I punti Pivot

I punti pivot sono dei segnali grafici  utilizzati in analisi tecnica per determinare i livelli critici di supporto o resistenza e predirre i movimenti futuri del mercato.

Nonostante siano meno conosciuti di altri indicatori, i punti pivot sono discretamente utilizzati da chi studia l’andamento dei mercati attraverso l’analisi tecnica e possono essere di notevole aiuto anche per chi fa trading con il forex. Essi determinano graficamente i punti di ingresso o di break out, in modo da aiutare nelle decisioni di acquisto o vendita di una coppia di valute.

Questo articolo introduce il concetto di pivot points, spiega in che modo calcolarli e come applicarli nel forex. Prossimanente seguiranno ulteriori approfondimenti su di essi e su altri indicatori utili per chi vuole studiare questo affascinante mercato con l’analisi dei grafici.

Il punto pivot è il livello in cui la direzione di un trend subisce un cambiamento in un determinato arco di tempo. Sono calcolabili utilizzando semplici formule matematiche, includendo all’interno di esse informazioni come il prezzo high del giorno precedente, il prezzo low ed il prezzo di chiusura. Attraverso questi tre dati è possibile definire una serie di punti all’interno del grafico di riferimento, che vengono chiamati livelli di supporto e resistenza, meglio noti come pivot levels.

Ecco come calcolare il punto pivot

Pivot Point (P) = (Prezzo High + Prezzo Low + Chiusura) /3

Primo Livello di supporto e resistenza

Resistenza (R1) = (2 * P) – Prezzo Low
Supporto (S1) = (2 * P) – Prezzo High

Secondo Livello di supporto e resistenza

Resistenza (R2) = P + (R1 – S1)
Supporto (S2) = P – (R1 – S1)

Terzo Livello di supporto e resistenza

Resistenza (R3) = Prezzo High + 2 * (P – Prezzo Low)
Supporto (S3) = Prezzo Low – 2 * (Prezzo High – P)

i punti pivot, o pivot points. Analisi di un grafico forex

Se il mercato apre al di sopra del pivot point (P), la tendenza per il giorno di trading sarà  probabilmente long, ovvero è consigliabile acquistare valuta nella speranza che accresca il proprio valore. Se al contrario il mercato apre al di sotto del punto pivot, è consigliabile mantenere un comportamento prudente o cedere valuta (posizione short).

Nonostante sia possibile calcolare più punti pivot, i più importanti sono R1, S1 e P.L’idea di fondo per chi desidera speculare attraverso l’impiego dei pivot points, è quella di prevedere un punto di inversione o break out attraverso lo studio di R1 ed S1. Se il mercato raggiunge i livelli R2,R3 or S2,S3, è molto probabile che vi sia un oversold o un overbought ed è quindi consigliabile vendere.

I pivot points possono essere estremamente utili nel forex, poichè molte coppie di valute tendono a fluttuare attraverso questi livelli. Il momento ideale per analizzare questi punti è il momento di apertura delle contrattazioni.

Consigli

Un metodo sicuro da impiegare quando fai trading con i punti pivot è quello di cercare i reversal o i punti di rottura su R1 o S1. I livelli R2, R3, S2, S3 considerali soltanto come punti di uscita proprio per il fatto che rappresentano un mercato in ipercomprato o ipervenduto.

I Pivot points su grafico giornaliero (D1) sono utili se fai swing trading, ovvero quando investi con un arco temporale che varia da uno a quattro giorni. Gli stessi su un grafico a 240 minuti (H4)  sono utili per il trading intraday. Utilizzare i punti pivot su scale più ampie è utile per tracciare livelli chiave di supporto e resistenza.

Se utilizzi MetaTrader, disponibile nella nostra pagina di download, non è necessario calcolare “a mano” tali livelli, ma puoi utilizzare l’indicatore “Pivot Lines” (disponibile sempre alla stessa pagina) per farli tracciare in automatico dal software. Una volta installato l’indicatore potrai inserirlo sul grafico in pochi istanti. Di seguito puoi vedere l’indicatore Pivot Lines all’opera sul nostro grafico di riferimento EUR/USD a quattro ore:

livelli pivots su metatrader
I punti pivot sul grafico – Clicca per ingrandire

Sul grafico il prezzo segnato in nero è il valore attuale del nostro cross. La linea viola segna il punto pivot (P), le tre linee tratteggiate in verde i livelli di resistenza R1, R2 e R3. Mentre le linee tratteggiate in rosso i livelli di supporto S1, S2, S3. I colori sono invertiti rispetto al primo disegno di esempio, ma poco importa. Puoi scegliere teoricamente qualsiasi colore per definire i livelli, non ci sono convenzioni rigide da seguire.

Esempio di utilizzo: il range trading

Nell’immagine successiva visualizziamo il grafico del nostro cross EUR/USD a 60 minuti e proviamo a mettere in pratica i concetti appena scritti. In questo momento il cross è scambiato a 1,3115 e sta testando il livello di supporto S1 a 1,3104. Ci aspettiamo che il prezzo salga e piazziamo una posizione di acquisto impostando uno stop loss che non scenda al di sotto di S2 o comunque al di sotto di una soglia di sicurezza che stabilisci in base alla tua strategia. Il take profit lo definiamo pari al valore del punto pivot P (1,3142).

esempio di range trading
Esempio di trading utilizzando i punti pivot – Clicca per ingrandire

Se il prezzo scende ulteriormente e attraversa S2, abbiamo perso il nostro trade ed è probabile che il trend bearish abbia una continuazione. I livelli attuali S1 ed S2 diventerebbero nuovi livelli di resistenza. Per questo motivo se non vuoi correre troppi rischi puoi impostare il tuo stop loss appena al di sotto di S1, in modo da limitare al massimo le perdite.

Il take profit è dunque impostato allo stesso livello di P, ma se fossimo più coraggiosi potremmo definirlo a R1.

Dopo alcune ore la nostra posizione viene chiusa in automatico poichè il prezzo sale e raggiunge il take profit a P. Nell’immagine successiva puoi notare il primo cerchio giallo in basso che rappresenta la situazione iniziale ed il secondo cerchio giallo che equivale al nostro punto di profitto.

profitto raggiunto
Il prezzo del cross sale da S1 a P – Clicca per ingrandire

Questo è uno degli utilizzi possibili dell’ indicatore. Naturalmente non si tratta di un metodo infallibile e sicuro al 100%. Potrebbero infatti verificarsi situazioni in cui il prezzo non vada nella direzione auspicata. Per questo motivo è molto importante definire uno stop loss che possa ammortizzare eventuali imprevisti.

Avere una buona conoscenza dei pivot points significa avere una buona possibilità  di comprendere i movimenti del mercato, talvolta anticipandone i trend in maniera piuttosto precisa. Se vuoi approfondire questo metodo di analisi puoi aprire un conto dimostrativo su uno dei brokers suggeriti nel sito, che mettono a disposizione grafici ed informazioni in tempo reale, e spread interessanti per chi vuole iniziare ad investire con soldi reali nel mercato delle valute.

Gli ultimi Tweets

Sold EURUSD 1.11449 SL 1.1214 TP 1.09871

Circa 9 mesi fa dal Twitter di Area Forex via Myfxbook

5 Commenti su I punti Pivot

  1. Salve,si possono utilizzare i punti pivot applicati alle opzioni binarie,ho sentito in giro di un famoso broker di O.B.che usa questi indicatori.Grazie per un eventuale chiarimento.

    • Salve Paco. Sì, un metodo possibile credo possa essere quello di giocare sui breakout aiutandosi con i livelli di supporto e resistenza. Se la coppia ha testato diverse volte i livelli di resistenza e il retracement è in continua salita, potrebbe essere un segnale di ulteriore aumento del prezzo. Lo stesso esempio può essere applicato in senso opposto, quando viene a verificarsi un breakout verso il basso.

1 Trackback & Pingback

  1. Migliori indicatori Forex trading – Quali indicatori sono più affidabili ? | Miglior Broker Forex – Elenco Broker in Italia o italiano

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*